Pon 2014-2020

PON 2014-2020

Casa Museo Leonetto Tintori: un Luogo esplorato dalla classe IVB della scuola Alberto Manzi

Giovedì 12 Aprile la classe IVB della scuola Primaria Alberto Manzi è uscita per esplorare e scoprire un LUOGO magico e artistico come la Casa Museo Leonetto Tintori in località Figline di Prato. E' stata l'opportunità per conoscere l'artista, le sue tecniche e visitare le opere e l'ambiente che le accoglie.

Nelle moderne aule didattiche la classe ha potuto approfondire la conoscenza  della ceramica artistica, attraverso un laboratorio personalizzato per sviluppare la padronanza di questa  tecnica, che meraviglia per le straordinarie potenzialità creative e compositive che emana, quale massima e primordiale espressione plastica; inducendo nei bambini una particolare attrazione e grande interesse. Ai bambini sono state date anche le informazioni teoriche necessarie sui materiali e sui  processi di cottura.

Ogni bambino e ogni bambina ha realizzato un elaborato personale riproducendo elementi decorativi dell'affascinante antica civiltà  Egizia.

Nella visita del parco  è stato possibile coniugare la bellezza dell'ambiente naturale con le opere d'arte che vi si trovano.

Cenni informativi

Leonetto Tintori (Prato 1908-2000) è stato un artista poliedrico nonché restauratore di fama internazionale.

Come artista si è dedicato alle più svariate tecniche espressive spaziando dalla pittura (a olio, a tempera, ad affresco, a pastello, ecc,) alla scultura (ceramica, bronzo, legno, gesso, cera, ecc.) al mosaico, alla scagliola.

Come restauratore ha diretto alcune delle più importanti operazioni di restauro di tutto il '900, in particolar modo legate alle pitture murali (Giotto, Piero della Francesca, Masaccio, ecc.). Ha operato anche in paesi esteri, nei templi Maya in Messico, nelle piramidi egiziane, in India, Corea, ecc. Insieme a sua moglie Elena Berruti, anche lei pittrice, alla fine degli anni '70 ha fondato il Laboratorio per affresco di Vainella, dove si insegnano le antiche tecniche di pittura murale.

Lui e la moglie sono sepolti in una grande Arca di Noè situata nel parco antistante l'abitazione.

La Casa Museo insieme al vasto parco circostante (con una superficie di 2000 mq), è stata l'abitazione dell’artista-restauratore e di sua moglie Elena fino alla loro morte avvenuta nel 1987 (Elena) e 2000 (Leonetto).

Nel 1984 il complesso è stato donato al Comune di Prato, da allora è presente il Laboratorio per affresco di Vainella. Sul retro della Villa, in alcuni annessi separati dalla struttura principale, si tengono attività didattiche specialistiche legate alla tecnica della pittura murale e alla ceramica artistica, nonché ad attività di ricerca sulla conservazione dei dipinti murali. L'attività di ricerca è svolta in collaborazione con numerosi altri Enti scientifici internazionali ed è coordinata dal Getty Conservation Institute - Los Angeles (U.S.A.).

 La Casa Museo attualmente  è gestita dall’Associazione Laboratorio per affresco Elena e Leonetto Tintori che si occupa della manutenzione e delle attività di studio e ricerca.

 

Le insegnanti:  Lasagni Lucia e Vitale Mafalda