Pon 2014-2020

PON 2014-2020

Anna Frank: “La V A visita il lanificio Pontetorto”

La classe V A della scuola primaria Anna Frank si è recata in visita alla "azienda tessile Pontetorto" situata nella frazione di Oste, nell'ambito del progetto conoscere il territorio.

L'iniziativa si è svolta giovedì 12 aprile, in una bella giornata di sole, con i bambini emozionati ed entusiasti per questa uscita originale. Ad attenderci, in questa azienda storica del comprensorio di Prato, abbiamo trovato la titolare Elena Banci. Con cordialità ed affabilità Elena Banci si è rivolta ai bambini con tono pacato, i quali attenti ed incuriositi hanno ascoltato la storia di questa azienda.

L'azienda Pontetorto è nata nel 1952, fondata da Bruno Banci, padre di Elena. Il Pontetorto ebbe una svolta importante quando Bruno Banci decise di operare anche sui mercati internazionali, portando così l'azienda a produrre il pile, un materiale davvero rivoluzionario. La fabbrica di Oste diventò leader del mercato, quando venne realizzato il tecnopile, prodotto d'eccellenza nel campo della moda. Sono così riusciti a creare tessuti con l'utilizzo di poliestere riciclato, filati derivati da capi di abbigliamento riciclati e naturalmente da filati prodotti con polimeri ricavati dal riciclo delle bottiglie di plastica (pet). Hanno messo infatti come punto primario della loro azienda la responsabilità di cercare di proteggere il nostro futuro e quello delle generazioni future.

La visita alla fabbrica ha consentito di vedere le varie fasi della lavorazione, dalla filatura al fissaggio, che sono eseguite all'interno dello stabilimento. La lavorazione consente di ottenere un'alta qualità per tessuti come cashmere, angora, lana merinos ed altri. Nella Pontetorto convivono la storia della manifattura pratese, con strumenti moderni e all'avanguardia per la produzione di tessuti d'eccellenza.

L'azienda, tra l'altro, produce energia con pannelli solari e come sopra detto da alcune plastiche hanno ricavato un filato particolare. Oggi il controllo dell'azienda non è più solo in mano ai proprietari storici, nel 2016 è stato ceduto il 65% del capitale sociale alla Daidah Limited, gruppo giapponese, mentre il rimanente 35% è in mano ai fratelli Banci.

Questa uscita particolare ha aperto gli occhi e la mente sia ai bambini sia a noi insegnanti ed è stata molto apprezzata.

Le insegnanti: Maria Antonietta Fricchione, Clelia Di Giacomo e Isabella Bottone.